Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accettando questa informativa dai il consenso al loro utilizzo. OK Voglio saperne di più
App Store Google Play

Gli Associati

Enti

AIPO Associazione italiana produttori OlivicoliViale dl lavoro, 52 Veronastampa

AIPO Associazione italiana produttori Olivicoli

Senza cookie non è possibile visualizzare questa parte della pagina

Comitato Antico Palio dei MussiVia Piazza, 36 - 37030 Roncà (VR)www.anticopaliodeimussi.itstampa

Comitato Antico Palio dei Mussi

Senza cookie non è possibile visualizzare questa parte della pagina

Comitato Ricreativo BrentonVia S. Pietro - 37030 Roncà (VR)stampa

Comitato Ricreativo Brenton

Senza cookie non è possibile visualizzare questa parte della pagina

Comune di Badia CalavenaPiazza Mercato 1, - Tel: 045 7810503/685stampa

Comune di Badia Calavena

Senza cookie non è possibile visualizzare questa parte della pagina

Comune di Cazzano di TramignaPiazza Matteotti, 1 - 37030 Cazzano di Tramigna (VR) - Tel: +39 045 7820506www.comune.cazzanoditramigna.vr.itstampa

Comune di Cazzano di Tramigna

Dolci collinette si staccano dalle due cordate di monti che a est e a ovest ne delimitano l’orizzonte; a sud si apre verso la pianura mentre a nord si fa stretta fra i monti: Cazzano è al centro della valle proprio dove, in un piccolo e grazioso laghetto, zampillano le acque del Tramigna.

Alle caratteristiche del terreno la valle deve il suo nome: Terminea, cioè terminali, e il nome del paese Gadianum, ovvero territorio di caccia.

Questa valle fu abitata sin dalla preistoria. Giunsero i Galli e in seguito si stanziarono alcune famiglie romane la cui testimonianza si riscontra in tre lapidi.

A testimoniare la fede degli abitanti rimane il santuaio di San Felice sul valico del crinale che divide Cazzano da Illasi.

L’Enogastronomia

A Cazzano si possono gustare i piatti tipici veronese come il bollito e pearà, polenta e osei, risotto con i funghi o con el tastasal, bigoli con la sardela e polenta e renga.

Da vedere.

  • Santuario di San Felice
  • Chiesetta di San Pietro in Brian
  • Chiesa parrocchiale di Cazzano
  • Il lago della Mora (o Fontanone)
Senza cookie non è possibile visualizzare questa parte della pagina

Comune di Colognola ai ColliPiazzale Trento, 2 - 37030 Colognola ai Colli (VR) - Tel: +39 045 6159611www.comunecolognola.itstampa

Comune di Colognola ai Colli

Colognola ai Colli fu abitata fin dall’antichità: lo stesso toponimo facilmente derivabile da colonia basterebbe a rivelare l’origine romana del centro.

La coltivazione della vite era già predominante nella zona ed il vino che qui si produceva, il Reticum, era lodato da grandi personaggi storici. Le notizie sui secoli successivi sono praticamente inesistenti.

Colognola ai Colli tornò nella storia all’arrivo dell’esercito francese alla fine del XVIII secolo. Quattro volte il territorio del comune fu teatro di scontri e battaglie fra francesi e austriaci.

L’origine romana e la vivacità del medioevo hanno lasciato a Colognola ai Colli tracce e reperti, con la presenza di chiese importanti.

L’Enogastronomia

Tra i piatti tipici della zona ricordiamo le lasagne e bisi o risi e bisi con i piselli di Colognola ai Colli (Verdone Nano) e il bollito con la pearà.

Cosa vedere:

  • Santuario di Santa Maria della Pieve
  • Villa Maffei Faccioli
  • Villa Fano
Senza cookie non è possibile visualizzare questa parte della pagina

Comune di IllasiPiazza Libertà, 1 - 37031 Illasi (VR) - Tel: +39 078 7830415www.comune.illasi.vr.itstampa

Comune di Illasi

Illasi dista 20 km da Verona. Rispetto al capoluogo è in posizione nord est. È uno dei primi paesi che si incontrano salendo la verdeggiante Val d'Illasi, che prende il nome dall'omonimo torrente.

L’antico insediamento dei romani avrebbe lasciato tracce nel nome del paese, derivato forse dal centurione Gelasio. Feudo intorno al mille del Vescovo di verona, poi dei Montecchi che fanno erigere il castello, nel corso del 1200 viene ceduto ai Pompei. La cittadina è successivamente governata dagli scaligeri, i quali ricostruiscono il castello distrutto nel 1239 da Ezzelino da Romano.

Ciliegie, olive sono i prodotti agricoli tipici della zona, nella quale riveste un ruolo primario il settore vitivinicolo, strutturato su base associativa o privata.

L’enogastronomia:

Tra i piatti tipici della zona si ricordano le tajadele coi figadini (taglatello col fegato di pollo), le pappardelle (tagliatelle) alla lepre, il risotto all’illasiana con funghi e tastasal e lo stinco di maiale.

Da vedere:

  • Chiesa Parrocchiale di Illasi
  • Chiesa di Santa Giustina
  • Chiesa di Sant'Anna
  • Santuario della Madonna di San Colombano
  • Villa Pompei Carlotti
  • Villa Pompei Perez – Sagramoso
  • Castello d'Illasi
Senza cookie non è possibile visualizzare questa parte della pagina

Comune di Montecchia di CrosaraPiazza Umberto I, 56 - 37030 Montecchia di Crosara (VR) - Tel: +39 045 7450038www.comune.montecchiadicrosara.vr.itstampa

Comune di Montecchia di Crosara

Il paese è situato nella parte mediana della vallata dell’Alpone. Incerta risulta l’origine del suo nome.

Assolutamente certa è la sua origine romana, testimoniata da numerose iscrizioni e pregevoli reperti archeologici conservati a Montecchia o nei musei di Vicenza e Verona. Tra questi un’ara sacrificale dedicata a Marte dio della guerra.

Alla fine del X sec., il paese fu concesso, come feudo, a Maltraverso de’ Maltraversi signore di Padova e Vicenza.

Passò sotto il dominio degli Scaligeri di Verona, nel XII sec. A questo periodo risalgono il saccheggio dell’intero borgo e la distruzione del castello.

In seguito passò sotto i Visconti di Milano e infine alla Serenissima Repubblica di Venezia.

Montecchia divenne un comune autonomo nel 1745. Nel corso della seconda Guerra Mondiale, il paese subì diverse traversie che culminarono nella tragica sera del 3 settembre 1944, in cui il centro di Montecchia venne messo a ferro e fuoco dalle truppe nazifasciste in un’azione di rappresaglia.

L’enogastronomia:

Importante è la produzione del vino Lessini Durello (altra DOC vinicola che si estende tra la Provincia di Verona e Vicenza). Molto diffusa nel comune è la produzione cerasicola.

Da vedere:

  • Chiesa di San Salvatore
  • Chiesa parrocchiale
Senza cookie non è possibile visualizzare questa parte della pagina

Comune di RoncàPiazza G. Marconi, 4 - 37030 Roncà (VR) - Tel: +39 045 7460017www.comune.ronca.vr.itstampa

Comune di Roncà

L’origine del nome deriva dal latino “runcare” ovvero disboscare, e Roncà vorrebbe significare “terra dissodata con la roncola”, un coltello a lama curva ancora oggi utilizzato per lo stesso scopo.

La presenza di antichi insediamenti sul territorio di Roncà si desume dal ritrovamento di preistorici attrezzi da lavoro sul monte Calvarina.

E’ stata rinvenuta anche una lapide di copertura di un sarcofago romano.

Il periodo Medievale fu piuttosto travagliato. Nel 1300 ebbe inizio il dominio di Alberto della Scala, il quale stabilì dei patti con un gruppo di Cimbri.

Il periodo storico migliore coincide con il dominio della Serenissima.

Roncà attraversò ancora un periodo buio tra il 1600 ed il 1700, periodo in cui le pestilenze e la carestia colpirono la popolazione di Roncà sino a ridurla a poche centinaia.

Il territorio del Comune di Roncà comprende anche le frazioni di Terrossa, Brenton e Santa Margherita.

L’enogastronomia:

Prodotti di forte interesse e meritevoli di essere assaggiati sono il formaggio Monte Veronese DOP  e la Sopressa di Brenton. Da non dimenticare i vini che ben si sposano con i prodotti tipici precedentemente nominati: il vino Soave e il vino Lessini Durello.

Fra i prodotti della gastronomia locale ricordiamo anche il Pamojo e vista la vicinanza con la Provincia di Vicenza il Baccalà alla Vicentina.

Da vedere:

  • Chiesa di Santa Margherita
  • Chiesa parrocchiale di Roncà
  • Numerose Ville Rurali
  • Museo dei Fossili di Roncà
  • Sentiero dei Fossili della Val Nera
Senza cookie non è possibile visualizzare questa parte della pagina

Comune di Selva di PrognoPiazza bruno Giovanni Cappelletti, Selva di Progno, VRstampa

Comune di Selva di Progno

Senza cookie non è possibile visualizzare questa parte della pagina

Comune di SoaveVia Camuzzoni, 8 - 37038 Soave (VR) - Tel: +39 045 4970750www.comunesoave.itstampa

Comune di Soave

Risalgono a 65 milioni di anni fa i nummuliti, fossili discoidali presenti in gran numero nelle zona denominata Piazza Scheeti. Ruderi preistorici e resti di ceramiche di falcetti e di frecce testimoniano i primi insediamenti.

Il nome del paese derivò, forse, dagli Svevi o dai Suavi, popolazioni provenienti dal Nord.

Dominano la zona dal 1259 gli Scaligeri, che ampliano il preesistente castello medievale.

Dal 1387 Soave passa ai Visconti, quindi ai Carrara e dal 1405 ai Veneziani, cacciati alla fine del 1700 nel corso della campagna napoleonica. Il paese è devastato nel 1811 dagli austriaci, cacciati nel 1866 con l’annessione del Veneto all’Italia.

Soave è famoso grazie all’omonimo vino, al fiabesco centro storico medievale tutt’oggi circondato da intatte mura ed è stato insignito da anni dal marchio di qualità Bandiera Arancione del TCI che certifica le piccole località dell’entroterra.

L’enogastronomia:

Tra i piatti tipici sono da ricordare il risotto al Soave e i “rufioi” di Costeggiola, prodotto agroalimentare tradizionale, con un cuore ripieno di pinoli, cedrini, mandorle, amaretti e rum.

Da vedere:

  • Chiesa - santuario di Santa Maria della Bassanella
  • Chiesa parrocchiale di Soave (Duomo)
  • Chiesa di San Giorgio
  • Chiesa di Santa Maria dei domenicani
  • Chiesa di Sant'Antonio
  • Chiesa di San Rocco
  • Palazzo dei Conti Sambonifacio
  • Il Palazzo di Giustizia
  • Il Palazzo Scaligero
  • Palazzo Cavalli
  • Palazzo Moscardo
  • Il Castello e le mura scaligere
Senza cookie non è possibile visualizzare questa parte della pagina

Comune di VestenanovaVia Chiesa,28 Vestenanova, VRstampa

Comune di Vestenanova

Senza cookie non è possibile visualizzare questa parte della pagina

Consorzio tutela formaggio Monte Veronese DOPVicolo Mattielli, 11 - 37038 Soave (VR) - Tel: +39 045 6199054www.monteveronese.itstampa

Consorzio tutela formaggio Monte Veronese DOP

Il Monte Veronese ha ottenuto prima la Denominazione d'Origine Controllata con il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 9 aprile 1993; quindi, a seguito del Regolamento CEE 2081/92, l'1/7/1996 la Denominazione di Origine Protetta. E' un formaggio che, pur ancora poco noto al consumatore italiano, vanta una diffusione in forte crescita. Le ragioni di tale ascesa sono da ricercare nel fatto che negli ultimi tempi si sta intensificando la riscoperta dei prodotti tipici, con forte significato storico locale: il Monte Veronese, come riportato sopra, di storia e di tradizione ne ha da vendere.

I processi di produzione di questo formaggio, pur sviluppandosi con continuità, hanno tuttavia mantenuto invariate nei secoli le caratteristiche tradizionali. La garanzia della sua qualità è racchiusa nell'etichetta: qui è riportato il marchio del consorzio, la tipologia di formaggio (differenziate dal colore: verde chiaro "a latte intero", azzurro per "d'allevo mezzano" e nera per "d'allevo vecchio") il nome del produttore e il numero di caseificio. Sullo scalzo, verticalmente tutt'attorno, si legge Monte Veronese impresso nella crosta. Questo formaggio si apprezza non solo in Italia, ma anche all'estero: i principali paesi d'esportazione sono Olanda e Stati Uniti, oltre a Germania, Svezia, Croazia e Gran Bretagna.

Il Consorzio del Monte Veronese nasce nel 1993, e ha il compito di tutelarne la produzione e di promuoverne la diffusione in Italia e all'estero. Per sostenere la promozione, il Consorzio collabora con la Regione Veneto, la CCIAA di Verona, la Provincia e il Comune di Verona, la Comunità Montana e i vari consorzi di tutela della provincia. Ad oggi, le aziende associate al Consorzio sono 13, tutte di dimensioni medio-piccole.

Senza cookie non è possibile visualizzare questa parte della pagina

Consorzio tutela vini Soave e Recioto di SoaveVicolo Mattielli, 11 - 37038 Soave (VR) - Tel: +39 045 7681578www.ilsoave.comstampa

Consorzio tutela vini Soave e Recioto di Soave

Nasce con la denominazione di Consorzio Tutela Vini Soave e Recioto di Soave. Il Consorzio raccoglie la maggior parte della produzione e la significativa partecipazione delle categorie professionali interessate alla vinificazione e alla commercializzazione del vino; controlla perciò, nel territorio, una quantità di prodotto tra le più alte d’Italia. Tale dato di fatto indica, da solo, quanto stretto sia il rapporto che lega la gente locale al proprio territorio e al proprio prodotto e quanto sia la dipendenza dell’economia locale dalla vite e dal vino. Con i suoi circa 500.000 ettolitri di vino, il Soave rappresenta la fetta più consistente delle produzioni a denominazione di origine controllata della provincia di Verona (il 40% circa) nella quale sono concentrati il 10% dei DOC italiani e il 50% di quelli veneti. Il Consorzio non ha alcuna finalità speculativa e si propone soprattutto di: tutelare la viticoltura nella zona di produzione dei vini “Soave” e “Recioto di Soave”;  favorire la conoscenza e la diffusione dei vini “Soave” e “Recioto di Soave”; vigilare affinché non vengano messi in commercio vini prodotti con altre uve oppure vini difettosi; esercitare una efficiente sorveglianza, in collaborazione con gli Organi Statali; assistere i consorziati nel perfezionamento della coltura vitivinicola della produzione dei vini tutelati; promuovere il riconoscimento della denominazione di origine controllata e garantita dei vini ”Soave Superiore” e “Recioto di Soave”.

Senza cookie non è possibile visualizzare questa parte della pagina

Cooperativa Sociale Centro di Lavoro San Giovanni CalabriaVia San Marco 121 - Tel: 0458904599 - Tel: 0458905040www.centrodilavoro.netstampa

Cooperativa Sociale Centro di Lavoro San Giovanni Calabria

Senza cookie non è possibile visualizzare questa parte della pagina

EQUIPENATURA S.S.D.R.LVia Castello - Tel: 3403281258www.equipenatura.itstampa

EQUIPENATURA S.S.D.R.L

EquipeNatura è un’associazione di Guide Ambientali-Escursionistiche, Guide Alpine, Guide di mountain bike ed Istruttori di varie discipline sportive, uniti dalla voglia di trasmettere un accattivante modo di vivere la Natura e l’Avventura. Lo scopo principale dell’associazione è promuovere il territorio in cui si opera puntando a viverlo e conoscerlo a pieno, coniugando Natura, Avventura, Cultura... L'associazione muove i suoi primi passi nel 2008, per iniziativa di un gruppo di amici e colleghi naturalisti, tutti appassionati di montagna e avventura. La nostra passione per la natura e l'ambiente è il filo conduttore che unisce le esperienze e le professionalità di ognuno nel grande progetto/sogno: EquipeNatura. La nostra mission è quella di fornire servizi legati all'accompagnamento escursionistico e alla didattica in ambiente, rivolgendosi a privati, scuole, enti pubblici...mettendo al servizio di chi "ci segue" la nostra professionalità e simpatia per guidare in sicurezza e curiosità coniugando "Natura, Avventura, Cultura".

 

Senza cookie non è possibile visualizzare questa parte della pagina

Gruppo Alpini di SoaveVia Bassano/ Porta Aquila, Soavehttp://anasoave.info/stampa

Gruppo Alpini di Soave

Senza cookie non è possibile visualizzare questa parte della pagina

Pro Loco di Colognola ai ColliVia San Biagio, 7 - 37030 Colognola ai Colli - Tel: +39 347 8599701www.prolococolognola.itstampa

Pro Loco di Colognola ai Colli

La Pro Loco di Colognola ai Colli è un'associazione senza scopo di lucro, che su mandato dell'Amministrazione Comunale si prefigge di promuovere tutte le iniziative culturali e sociali della cittadina di Colognola ai Colli.. La Pro Loco di Colognola ai Colli è formata da un gruppo di giovani del paese che si è reso disponibile a rinnovare l'attività ricreativa e l'immagine del proprio comune con l'obiettivo della promozione del territorio colognolese.

Senza cookie non è possibile visualizzare questa parte della pagina

Pro Loco SoaveVia XXV Aprile, 6 - Tel: 045-7680648www.prolocosoave.itstampa

Pro Loco Soave

La Pro Loco di Soave è un'associazione senza scopo di lucro, che su mandato dell'Amministrazione Comunale si prefigge di promuovere tutte le iniziative culturali e sociali della cittadina medioevale murata di Soave, comune Bandiera Arancione del Touring Club Italiano. La Pro Loco di Soave è formata da un gruppo di giovani del paese che si è reso disponibile a rinnovare l'attività ricreativa e l'immagine del proprio comune con l'obiettivo della promozione del territorio soavese.

Senza cookie non è possibile visualizzare questa parte della pagina

VeronautoctonaVia degli Alpini - 37030 Belfiore (VR) - Tel: +39 366 1646266www.veronautoctona.itstampa

Veronautoctona

Veronautoctona è un gruppo di amici con una grande passione: il territorio in cui vivono e le sue bellezze.

Il gruppo ha un’esperienza pluriennale nell’organizzazione di eventi nel mondo vinicolo e mette ora questa esperienza in campo per un progetto più ampio: quello di promuovere l’Est Veronese e far conoscere le sue peculiarità enogastronomiche, storiche e turistiche.

L’associazione è affiliata al CTG e i suoi componenti hanno seguito i corsi per animatori culturali e ambientali.

Cosa offriamo?

  • Degustazioni guidate di vino e prodotti tipici, condotte da esperti del settore
  • Corsi di cucina
  • Studio di itinerari e assistenza a comitive o singoli per la scoperta del territorio
  • Corsi di formazione sull’arte, la natura e la gastronomia del territorio dell’Est Veronese
  • Gestione di piccoli eventi per enti privati e pubblici.
  • Visita a cantine, frantoi e caseifici
Senza cookie non è possibile visualizzare questa parte della pagina