Lumache al Soave

Caratteristiche

  • 600 g di lumache di Sant'Andrea sgusciate, lavate e spurgate
  • 3 bicchieri di vino Soave doc
  • 2l d'acqua
  • 60 g di lardo
  • 4 spicchi d'aglio
  • ½ bicchiere di olio extravergine d'oliva Veneto dop Valpolicella
  • 20 g di burro
  • 1 pugnodi prezzemolo fresco tritato
  • sale
  • pepe

Preparazione

Tritare sottilmente gli spicchi d'aglio e il lardo, versare il trito in una pentola dai bordi alti, in cui deve essere già stato scaldato l'olio e fatto fondere il burro.

Una volta che il lardo si sarà sciolto e l'aglio dorato, mettere le lumache e coprire con il vino. L'importante è che le lumache, già spurgate e pulite siano prive di intestino ( il sacchetto scuro nella parte terminale), poiché questo comprometerebbe, con la sua naturale amarognola, il gusto finale del piatto.

Abbassare la fiamma al minimo, coprire ed iniziare la lenta cottura, facendo sobbollire per 4 ore.

Di tanto in tanto controllare il livello del liquido di cottura, aggiungendo gradualmente dei mestoli d'acqua calda.

Dopo due ore regolare il sapore con sale e pepe. Terminare la cottura, e aggiungere il prezzemolo tritato.

Avrete ottenuto delle lumache molto morbide in un sugo ristretto.

Servire le lumache nel loro sugo a lato dei piatti, accompagnandole con della polenta gialla, che dovrà essere caldissima e morbidissima.